Manuela Balsotti di Alba Moda

Oggi siamo davvero contenti di dare il benvenuto sul nostro blog agli amici di Alba Moda, siamo a tu per tu con la gentilissima Manuela Balsotti. 

Questo brand leader nel panorama della moda italiana e del made in Italy ha la sua sede in Toscana, terra di grandi tradizioni mantenute in vita grazie all’amore degli abitanti e degli antichi artigiani. Veri e propri punti fermi per Alba Moda sono la cultura dell’artigianato, l’entusiasmo per il proprio lavoro e la soddisfazione per la qualità del prodotto.

– Oggi sembra proprio che le abitudini degli italiani siano cambiate: le persone si stanno abituando all’idea di uno shopping da fare comodamente da casa e il Covid19 ha accelerato indubbiamente questo processo. Può questo rappresentare una insidia per Alba Moda o piuttosto una opportunità?

Le abitudini degli italiani stanno certamente cambiando come anche quelle di tutto il mondo occidentale: globalizzazione, vendite online, smart working, chiusura delle attività commerciali causa pandemia Covid sono solo degli esempi. I mercati globali ed i consumi fino a quelli al dettaglio si stanno modificando sia per quantità che per destinazione. Lo shopping online è divenuto una necessità prima ancora di una scelta e certamente cambierà sempre di più le abitudini ma da anni la nostra società collabora con i maggiori distributori di vendite online. Il processo, accelerato negli ultimi tempi, inizialmente è stato visto come una insidia, ma a partire dalle presentazioni complanari, sia agli agenti di vendita che ai clienti della grande distribuzione, che alle pubblicità e alle fiere online, abbiamo ampliato le nostre conoscenze e di conseguenza tutte le attività commerciali e di divulgazione online. Ci stiamo preparando per far diventare ciò che pareva un’insidia un opportunità di rinnovamento e crescita. Le nostre collezioni sono in vendita per esempio su Yoox, Zalando e sul canale QVC Italia dove stiamo ottenendo ottimi consensi e vendite.

 

– Il commercio ha risentito moltissimo delle limitazioni imposte in tutta Europa e nel mondo al fine di prevenire la diffusione del Coronavirus, come ha reagito Alba Moda a questa crisi?

Alba Moda sta reagendo ed ha iniziato a divulgare un messaggio ai propri clienti: “iniziamo con questi due hashtag #thisisionlythestart #togheterwearestronger, scriverli ed usarli è il nostro modo per “riconnetterci” con Voi ed affrontare questo momento con un nuovo approccio e con grandi motivazioni.” Il periodo che abbiamo vissuto e del quale stiamo ancora seguendo l’evoluzione ci ha messi tutti duramente alla prova, ma ci è stato utile per fare valutazioni profonde e attuare un importante piano di ristrutturazione. In un frangente storico così difficile a selettivo per tutta l’economia stiamo mettendo in campo importanti energie economiche ed umane.  L’obiettivo ovviamente è quello di dare all’azienda un futuro solido e ai clienti il migliore supporto in termini di prodotto e servizio. Il nostro team è stati “rimodellato” con l’inserimento di alcune figure professionali importanti, siamo felici di dare il benvenuto: al Financial Director Carlo Ghezzi, al nostro Operation Manager Carlo Moretti (ex O.M di Geox) responsabile di tutta la nostra organizzazione tecnica e produttiva ed infine al Product Manager Rudy Cesaretti, che sarà responsabile delle linee Manas e Krio.

Inoltre, dalla prossima stagione, oltre alle nostre collezioni Alba Moda/Paola Ferri, presenteremo la nostra nuova collezione di scarpe da uomo Sandro Ferri di cui Luca Lazzeri sarà il Product Manager.  Come potrete capire il nostro impegno è totale e le iniziative sono molte ma non ci spaventano. Riteniamo invece che questo sia il miglior modo di affrontare il futuro in modo dinamico e produttivo. Oggi si gira pagina, affrontiamo questo nuovo capitolo insieme con coraggio e la passione che da sempre ci contraddistingue e ci guida.

 

–  Questa crisi non ha risparmiato neanche le grandi catene come “Scarpe e Scarpe” (che a luglio ha presentato istanza di concordato preventivo), prevedete un periodo in cui sarà più difficile ottenere i pagamenti dovuti?

Il periodo sarà disastroso. La nostra azienda, per prassi, intrattiene rapporti commerciali con clienti coperti da assicurazione crediti. Vero è però, che a causa di questo momento purtroppo stiamo vivendo e vivremo un periodo con innegabili difficoltà di mercato. Il calzaturificio ha subito ridimensionamenti anche per quanto riguarda gli affidamenti dei crediti. Rapporti stretti con la clientela, visite degli agenti e solleciti diretti sono le principali azioni che stiamo effettuando. 

 

– Strettamente collegata alla precedente, quali misure pensare di attuare per far fronte alle difficoltà dei vostri clienti di rispettare le scadenze?

Il nostro impegno sarà ancora più incisivo e con l’aiuto di Coface e la nostra agenzia di recupero crediti di fiducia: VOI, cercheremo di monitorare ed incassare i nostri crediti pur accordando dilazioni e facilitazione per i clienti virtuosi.

 

– Ci salutiamo chiedendo a Manuela come vede il futuro

Organizzazione del presente, progetti su cui lavorare e tanto impegno con un pizzico di fortuna!

La nostra piacevolissima chiacchierata con Manuela finisce qui, non ci resta che ringraziarla per tutto il tempo che ci ha dedicato e augurarle un buon lavoro, ci auguriamo di poter visitare presto la loro bellissima sede di Certaldo.

Se avete perso la precedente intervista a Marco Dalla Brea di Sebach clicca qui, la nostra rubrica “A tu per tu” avrà presto nuovi protagonisti!

Lascia un commento

Chiudi il menu