Cosa sono e come funzionano le società di recupero crediti

Le società di recupero crediti sono delle aziende private e su questo non ci sono dubbi:
ma come funzionano? chi sono gli esattori e che qualifica hanno? è vero che sono ufficiali giudiziari?
Siamo consapevoli che tante sono le domande che riguardano le agenzie di recupero, proprio per questo motivo vogliamo fare chiarezza su cosa sono e come funzionano le società di recupero crediti.

> Cosa sono le società di recupero crediti: l’importanza dell’UNIREC.

 

Iniziamo col dire che le società di recupero crediti sono aziende private che rispettando numerosi vincoli offrono ai propri clienti servizi di riscossione e gestione del credito.
Le necessarie autorizzazioni a esercitare questa attività sono rilasciate dalla Questura competente territorialmente dopo aver verificato il soddisfacimento di quanto previsto dall’ Art. 115 del TULPS, il Testo Unico Leggi di Pubblica Sicurezza.
In Italia sono presenti diverse centinaia di aziende che operano nel settore, la maggior parte di esse è iscritta all’ UNIREC, l’associazione di categoria delle imprese che forniscono un ampio numero di servizi, dalle informazioni commerciali, al recupero, all’acquisto crediti.

Per una società far parte di questa unione è sinonimo di qualità perché si pone come garante di un approccio etico, trasparente e professionale. Uno dei suoi principali obiettivi infatti è quello di promuove la tutela del settore e per farlo effettua una attenta selezione all’ingresso richiedendo il soddisfacimento di determinati standard qualitativi e l’adesione a un codice di condotta a cui attenersi scrupolosamente.
Da segnalare la grande utilità rappresentata dall’opportunità concessa al consumatore di aprire, attraverso l’UNIREC, dei reclami nei confronti di società a prescindere dal fatto che queste siano o meno iscritte all’associazione.

 

> Come funzionano le società di recupero crediti: il recupero stragiudiziale

 

Oggi la maggior parte delle società di recupero crediti sono strutturate e organizzate in modo tale da poter offrire ai propri clienti una molteplicità di prestazioni, Hexa ad esempio fornisce informazioni commerciali e oltre a predisporre servizi legali e stragiudiziali è in grado di effettuare un recupero crediti estero e di acquistare crediti non più esigibili.

Quello stragiudiziale è sicuramente uno tra i servizi più diffusi, consiste nel contattare il debitore telefonicamente oppure attraverso sms, email o lettere cartacee al fine di sollecitare il pagamento spontaneo di fatture impagate.
Tale operazione (svolta da operatori di call center) è spesso oggetto di contestazioni e denunce nei confronti di quelle società che operando in modo non etico violano la normativa vigente. È superfluo ricordare infatti che l’esattore telefonico non è in nessun modo paragonabile a un ufficiale giudiziario o a un avvocato e quindi non può far altro che sollecitare nei modi corretti il pagamento.
Rientra invece nei compiti dell’esattore la possibilità di constatare la volontà del debitore a non adempiere alla sua obbligazione avviando così la procedura di messa in mora.
L’invio della raccomandata A/R con la quale si avvisa il debitore del termine perentorio entro il quale deve adempiere per evitare di finire in giudizio (solitamente dieci giorni) costituisce l’ultimo ed estremo tentativo per ottenere un adempimento spontaneo. Se anche questo non dovesse portare a risultati si passerà inevitabilmente in sede giudiziale con un notevole aggravio dei costi che il debitore corre il rischio di pagare in aggiunta all’importo iniziale. 

Le probabilità di arrivare davanti ad un giudice dipendono anche dalle capacità di negoziazione degli esattori, in Hexa il continuo aggiornamento e il costante confronto con i team leader fanno si che si giunga ad una soluzione pacifica in termini ragionevoli.

Su cosa sono e come funzionano le società di recupero crediti c’è molto da dire e sicuramente torneremo sull’argomento, nel frattempo se sei interessato puoi approfondirlo leggendo il nostro articolo quando il recupero crediti diventa stalking.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *